COME ORGANIZZARE UN CONCORSO A PREMIO

Oggi ti parlerò di come organizzare un Concorso a Premio Online a norma di legge.

Hai notato quanti contest, instant win e giveaway vengono organizzati ogni giorno?
Ti sei mai chiesto per quale motivo il loro numero è in continuo aumento?
Leggi questo articolo del mio blog e scoprirai perché anche tu dovresti lanciare un concorso a premio e quali sono le caratteristiche, i benefici e le regole per un contest vincente.

COME ORGANIZZARE UN CONCORSO A PREMIO

Sono ormai molti anni che mi occupo di studiare meccaniche innovative e redigere regolamenti di concorsi a premio. L’altro giorno ero nel mio ufficio, avevo appena inviato una pratica Prema al Ministero dello sviluppo economico e ho pensato che sarebbe stato utile fare un video sul perché i contest sono sempre più apprezzati dalle aziende.

ECCO LE CARATTERISTICHE DI UN CONCORSO A PREMIO VINCENTE:

PER PRIMA COSA I CONTEST SONO ATTIVITÀ DI MARKETING IN LINEA CON LE TENDENZE DEL MERCATO E APPREZZATI DAL PUBBLICO MA HANNO UN GRANDE VANTAGGIO: NON SERVONO AD INCREMENTARE LE COSIDDETTE VANITY METRICS (like e cuoricini) o l’idea sbagliata “del basta che se parli”.
Rispetto ad altri tipi di iniziative come l’Instant marketing, che cercano di cavalcare un trend del momento ma dopo poche ore vengono dimenticati, i concorso a premio permettono di raggiungere risultati concreti.

SONO INFATTI INIZIATIVE CON RISULTATI ASSOLUTAMENTE MISURABILI CHE POSSIAMO INSERIRE NELLE ATTIVITA’ DI MARKETING A RISPOSTA DIRETTA.
Saprai esattamente fin dal principio quale sarà il tuo investimento e quale risultato otterrai, come aumentare le vendite o l’acquisizione di lead qualificati.
In questo modo ti sarà possibile calcolare il ROI, il ritorno sull’investimento della tua iniziativa.

NONOSTANTE SIANO ATTIVITÀ MISURABILI, UTILIZZANO I CANALI SOCIAL NEL MODO MIGLIORE.
Se utilizzati con i giusti obiettivi, i social sono strumenti essenziali per avvicinare i nostri prospect proprio dove passano molto del loro tempo. Inoltre si possono raggiungere grandi quantità di persone, selezionando l’audience su quello che dovrebbe essere il nostro avatar del cliente tipo, a costi che sono nel complesso da ritenersi ancora interessanti. Anche se i social non forniscono targetizzazioni dettagliate come in passato, riescono comunque a intercettare utenti più in linea con quello che è la nostra buyer persona rispetto a media più tradizionali.

PERMETTONO DI FAR APPREZZARE IL PROPRIO BRAND IN UN CONTESTO LUDICO E AD ASSOCIARLO AD EMOZIONI POSITIVE
Cosa c’è di più efficace di intercettare il nostro potenziale cliente con un’attività divertente, proprio nel momento in cui si sta prendendo una pausa dalle sue attività quotidiane?
Associare emozioni positive al nostro Brand ritengo sia un ottimo benefit…

RINGIOVANISCE L’IMMAGINE DEL BRAND E ATTIRA UN PUBBLICO Più GIOVANE SOLITAMENTE RESTIO A FARSI COINVOLGERE
Ebbene si, anche i Brand invecchiano, se non facciamo qualcosa per mantenerli giovani. Organizzare un contest online è sicuramente un’attività che ci consente di ringiovanire il nostro brand o prodotto, associandoci a concetti di innovazione e modernità.
Facilita anche l’avvicinamento con il pubblico più giovane, refrattario alle pubblicità tradizionali come la carta stampata o la TV generalista.

IN ULTIMO TI VORREI PARLARE ANCHE DELL’IMPORTANZA DI COINVOLGERE GLI INFLUENCER nel nostro concorso a premio.
Ogni giorno siamo bombardati da migliaia di annunci pubblicitari su ogni mezzo. La nostra mente, anche per salvaguardare la sua operatività, è diventata bravissima ad occultarceli. Ebbene si, la stragrande maggioranza dei contenuti pubblicitari non oltrepassa la nostra soglia dell’attenzione. Come fare per essere uno dei messaggi che oltrepassano le barriere ed arrivano diretta alla nostra audience?
In questi ultimi anni abbiamo utilizzato a tale scopo gli influencer, che vengono visti come delle persone a noi care e con le quali crediamo di aver stretto un rapporto profondo; il loro consiglio ha un ingrediente magico che altre forme di pubblicità non hanno: LA FIDUCIA. La fiducia abbassa le barriere e permette al nostro messaggio di essere veicolato.
Naturalmente sto parlando di influencer che hanno un tasso di engagement molto alto e che hanno impiegato anni per creare la loro fan base. In questo caso ci troviamo davanti al classico passaparola, la forma più efficace per antonomasia per vendere, pompato con gli steroidi.

MA QUALI SONO LE 3 REGOLE PER UN CONTEST PERFETTO?

1. DEVE ESSERE INNOVATIVO
La meccanica di gioco deve essere immediata e divertente. Fortunatamente ora abbiamo veramente tante possibilità da questo punto di vista, dagli instant win ai video contest, dagli scratch and win fino ai progetti di gamification più sofisticati. Inoltre si possono associare più dinamiche nello stesso concorso, ad esempio un rush and win che preveda un’estrazione finale. Farò prossimamente dei video specifici per spiegare ciascuna di queste attività.
L’ideale è riuscire a creare meccanismi di viralità (ad esempio richiedendo di taggare amici) per fare in modo che il concorso allarghi a macchia d’olio la platea dei partecipanti senza nello stesso tempo aumentarne i costi.
2. SEMPLICE DA UTILIZZARE
Semplicità è la parola d’ordine. Il concorso non deve avere nessuna frizione alla partecipazione. I passaggi devono essere pochi e chiari sotto ogni aspetto. Più sarà facile partecipare e più il contest sarà un successo. Più chiederemo al nostro prospect di impegnarsi e più rischieremo di ridurre il numero dei partecipanti.
Non sarà la stessa cosa per noi a livello di backoffice, dove dovremo gestire molteplici complessità ma queste devono rimanere a nostro carico e dovremo fare di tutto per risparmiare al partecipante attività inutili, anche se fosse solo per facilitare il nostro lavoro.
3. A NORMA DI LEGGE
e non dimentichiamoci che il nostro contest deve essere a norma di legge. Troppe volte vedo iniziative, anche strutturate, si dimenticano completamente di ottemperare alle norme sulle manifestazioni a premio. In un mondo a portata di click, essere segnalati e puniti duramente è veramente facile.
Cosa devi fare in breve?
– Stendere il regolamento
– Versare Cauzione 15 gg prima dell’inizio del concorso
– Presentazione Modello Prema al Mise
– Coinvolgimento Notaio
– Essere Complaint con GDPR
Questi sono solo i punti fondamentali, in base alle meccanica scelta occorrerà verificare i singoli passaggi.

QUALI SONO I BENEFICI PER IL PROPRIO BRAND NEL LANCIARE UN CONCORSO A PREMIO?

I concorsi a premi sono strumenti di marketing in grado di portare un grande valore aggiunto alla tua azienda. Ecco i principali benefici che potrai ottenere:

– PIÙ VENDITE
Un contest online ti consente di:
– Aumentare le vendite
– Fidelizzare i clienti
– Lanciare nuovi prodotti
– Promuovere merce in stock

– PIÙ LEAD
Grazie a un contest online puoi incrementare la Lead Generation, ottenendo nuovi contatti profilati e già interessati al tuo brand.

– PIU’ NOTORIETÀ DEL BRAND
Un contest efficace accresce la Brand awareness, facendoci raggiungere grandi quantità di persone con un costo molto conveniente

– PIÙ SOCIAL ENGAGEMENT
Un concorso a premio garantisce un tasso di engagement molto efficace sulle piattaforme social. Più contatti, più partecipanti, finalizzati sempre ad ottenere più vendite.
Infatti, grazie a procedure di retargeting potremo fare il modo che il prospect avanzi nel nostro funnel di marketing sino a farlo diventare un cliente.

TIP DI OGGI

  • Le aziende invecchiano. ho sempre considerato le imprese degli organismi viventi complessi, spesso legati alle figure dei fondatori o dei loro manager. per mantenersi giovani le aziende devono continuare a sperimentare e incontrare i loro clienti dove e’ piu’ facile siano predisposti ad ascoltare la nostra proposta di vendita.
  • Innovare, sperimentare e misurare in un loop continuo, che è un po’ la filosofia del growth hacking

TI LASCIO LANCIANDOTI UNA PROVOCAZIONE…
Quante volte ho sentito questa frase: la mia azienda non fa queste cose, sono attività per ragazzini… davvero? A parte le eccezioni dei brand del lusso, non sarà che la tua azienda sta diventando vecchia e non riesce più a parlare il linguaggio del mercato?

TI INVITO A RIFLETTERE SU QUESTA DOMANDA…e dimmi cosa ne pensi nei commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.